Premettendo che la dieta va bene,

come dicevo in un commento ad un post precedente: sugli snack ho una teoria personale ovvero: “gli snack creano dipendenza ed assuefazione” se si comincia, non se ne può fare a meno….

Io l’ho sperimentato su me stessa con i “Ringo”….

Anche se ad oggi con il nuovo regime i miei snack sono 200gr di frutta (al netto della buccia) alle 10 ed alle 15.30 per un totale di circa 110Kcal, devo ammettere di percepire una vera e propria sorta di “crisi di astinenza” dai miei “Ringo” (che di Kcal ne contano 276 a porzione da 6 biscotti)😦😦😦

In pratica sto faticando molto ma sono contenta di resistere.

Anche se non mi sono ancora pesata vedo già i primi risultati nel pantalone: la gamba è meno “gonfia”…

Pazienza l’umore: mi sento “mestruata” nel senso di nervosa ma… tutto sommato molto molto combattiva quindi per il momento, l’energia non mi manca.

Voi che ne pensate sul fattoche gli snack possano creare una sorta di dipendenza?

Ricordi di liceo: ” La spiegazione a questo comportamento è fisiologica:  gli alimenti ricchi di grassi, sale e zucchero, altamente calorici, attivano nel cervello le stesse aree che vengono stimolate dalle droghe. Si crea una crisi analoga a quella degli stupefacenti, ma molto meno violenta e forte. Questi cibi, infatti,  attivano nel corpo un insieme di sostanze euforizzanti fra cui la dopamina, un super-energizzante naturale, che stimola i centri della gratificazione e del piacere, rendendo questi snack attraenti e irresistibili.”

io ho trovato una ricerca in proposito che vi allego in consultazione.

http://www.antikitera.net/news.asp?ID=7658&TAG=Altro&page=27

Inoltre sembrerebbe esserci la “solita” Ricerca statunitense recentemente pubblicata dalla nota rivista di settore Nature Neuroscience e condotta dai ricercatori Paul Johnson e Paul Kenny nell’Istituto Scripps di Jupiter, in Florida.

Aspetto i vostri commenti.